Quando la città diventa SmartCity

Le città del futuro saranno quelle capaci di interpretare le informazioni che continuamente il territorio restituisce attraverso la vita della città e attraverso i suoi cittadini. Le smart cities o “città intelligenti” sono infatti le città che riescono a trasformarsi in una forma di laboratorio permanente, dove è possibile sperimentare e misurare i risultati delle proprie azioni in modo costante. Solo le città che sapranno dare ai propri cittadini l’opportunità di essere al tempo stesso attori protagonisti e “generatori” di informazioni, saranno le città in grado di costruire il proprio futuro in una prospettiva efficiente, creativa e attenta ai suoi abitanti. E’ in quest’ottica che dovremmo vedere il pensiero strategico della nostra città che non è solo un pensiero “tecnologico”, ma anche un pensiero di “vivibilità” del nostro territorio.
E’ per i motivi precedenti che Torino, insieme ad altre città italiane, è stata inserita nell’osservatorio nazionale smart city voluto dall’anci all’interno del quale la nostra città è stata valutata attraverso sei dimensioni con le quali interpretare la nostra capacità di essere “smart”. Gli indicatori utilizzati sono stati scelti all’interno delle seguenti dimensioni: economico, ambientale, governance, qualità della vita, mobilità, capitale sociale.
Sulla base degli indicatori riportati nel rapporto di IcityLab, Torino si posiziona al nono posto nella classifica generale ed al quarto posto tra le metropoli italiane, dietro a Bologna, Milano e Firenze.
Il risultato è sicuramente eccellente, ma Torino deve assumere posizioni migliori perchè se la nostra città vuole orientare al meglio le sue politiche strategiche e costruire in modo condiviso una città intelligente, dovrà farlo attraverso il miglioramento ed il monitoraggio continuo del contesto territoriale, delle sue dinamiche economiche, del suo capitale sociale e relazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *