La cittadella Bianconera alla Continassa

Nel Consiglio Comunale straordinario di Giovedì 8 novembre voteremo la delibera che permetterà alla Juventus di costruire la cittadella bianconera concedendo un “diritto di superficie” sull’area di 99anni, ci sono tutti i presupposti perchè la delibera venga votata ed approvata. Riporto due foto del progetto dove vengono indicati i lavori che verranno fatti.

Nota a margine: abbiamo fatto una riunione di maggioranza in cui abbiamo discusso sul tema, una riunione surreale dove l’insulto era all’ordine del giorno, assessori che alzavano la voce contro consiglieri dubbiosi sul voto, segretari di partito che presenti alla riunione si permettevano di dire ai consiglieri che dicevano stron… ma poi la delibera la votano i consiglieri e non i segretari. Staffisti che alzavano la voce perchè facevamo troppe domande e mettevamo in dubbio l’operato degli assessori. E’ un tempo in cui il dialogo e la discussione sono un messi da parte un po’ troppo spesso e sempre di più vige l’idea che l’altro (al di là della sua posizione politica) se ha una idea diversa della mia è una persona da sfidare e da sconfiggere. Mi sembra che i tempi di ristrettezza non stiano aiutando a tener presente l’importanza della centralità della persona. Io mi sono limitato ad ascoltare e documentare…per entrare nella discussione bisognava alzare la voce più degli altri…preferisco lavorare con “profilo basso”…
Ma veniamo ai dati:

Sono circa centottantamila metri quadri che si trasformeranno, nel quartier generale della Juve, ma anche in un pezzo di città completamente restituito ai cittadini. Con una multisala, un albergo, nuove residenze, un centro benessere. Il tutto condito con il tutt’altro che trascurabile dettaglio in tempi come questo che alla Città resteranno 18 milioni e mezzo.

L’Arena Rock ora pista di gokart presente in quell’area, è stato uno dei problemi in quanto il concessionario di quell’area dovrà trovarsi una nuova location, sembra comunque che ci siano le condizioni per trovare un’altra soluzione per questa realtà.
Altrà realtà presente nell’area sono i giostrai per i quali dovrà essere pensata e attrezzata una nuova sistemazione.
Ultima area da mettere a posto: il PalaStampa già MazdaPalace…in quella zona dovrebbe sorgere un grande parco, ma per farlo bisognerà demolire il palazzetto e il concessionario (Togni) ha una concessione fino al 2020, dopo quella data il palazzetto dovrà comunque essere buttato giù perchè costruito su un area che non prevede costruzioni.
La questione è: 18milioni che sarà la cifra pagata dalla Juve fanno comodo, ma bisogna evitare di spendere buona parte dei denari incassati per mettere a posto le aree già assegnate. Ritengo inoltre che l’area della Continassa avrebbe bisogno di una riqualificazione che vada ben oltre una pista di GoKart o una Arena Rock e forse la proposta Juventina può essere una grande opportunità per la città…

 

6 commenti

  • Francesco

    18 milioni sono una bazzecola per urbanizzare un area di questa portata,non dimentichiamo che attorno allo JUVENTUS STADIUM,si stanno realizzando opere che creeranno profitto alla società,questa deve sentirsi impegnata alla crescita economica della città.

  • attilio

    mi permetto di far notare che come al solito “casa Agnelli” continua a considerare il territorio cittadino come una sua contea… non ho niente contro un’idea commerciale che ritengo anche positiva, ma non sarebbe meglio vendergli i terreni? come d’altronde si farebbe con qualsiasi altro privato!!! anche perchè non credo, e la storia lo conferma, che i suddetti rendano la cittadinanza compartecipe dei proventi.

    • Pietro

      Noto con notevole disappunto che non si perde occasione e pretesto per attaccare la Famiglia Agnelli.
      Se si leggesse con attenzione il comunicato si parla della Juventus F.C. S.p.A.e cioè una Società (informarsi sulla composizione societaria)con un azionariato che comprende per il 34% il “Mercato” ,oltre ad altri investitori, che sborsa 18,5 mil di € per costruire “…un pezzo di città completamente restituito ai cittadini”
      In ogni caso la Famiglia Agnelli,che ovviamente rientra in parte in questo business, come tante altre Famiglie e Aziende che danno lavoro a migliaia di persone, non può essere considerata come un qualsiasi altro privato ( che non avrebbe certo quella cifra da sborsare) e questo è facilmente intuibile.

  • Enrico

    Continua l’asservimento vergognoso delle amministrazioni comunali verso gli agnelli, dai terreni alle nomine pubbliche (vedi teatri), Marco, conoscendoti da tempo sono basito dalla tua approvazione verso queste iniziative, lo scempio è già iniziato col prezzo del terreno pagato per lo stadio nuovo e prosegue ora con la lottizzazione a prezzi di favore, per ricostruire una testimonianza di memoria storica ( e condivisa) come il Filadelfia invece ci si muove diversamente, vero? Il massimo del ridicolo lo raggiunge il sindaco quando sostiene che così facendo gli agnelli sono vicino alla città, provi andare davanti a qualche cancello di Mirafiori a chiedere conferma della cosa agli operai, troverebbe sicuramente risposta adeguata.

  • admin

    Oggi abbiamo fatto un approfondimento all’interno del gruppo, la decisione sta maturando e si stanno facendo nuovi ragionamenti, io ho dichiarato quanto segue: non credo ci siano gli elementi per decidere in tempi così stretti, per ora abbiamo a disposizione troppe poche informazioni sulle cifre e sui progetti: la cifra proposta è congrua? il progetto è quello definitivo? quali sono i costi per la città? quali sono le strategie e i pensieri su quell’area? In questo momento sono disponibile a votare solo “con la pistola puntata alla tempia” a causa di situazioni di bilancio che mi impongono al pensiero di pochi soldi, sporchi e subito. Altrimenti pensiamoci, approfondiamo la situazione e ragioniamoci con tempi e modi adeguati.

  • Marina

    Totalmente d’accordo con la nota di Vittorio Bertola : http://www.movimentotorino.it/2012/11/i-soldi-nel-pallone.html

    I terreni pubblici (quindi nostri) venduti o dati in concessione a prezzi equi a chi effettivamente costruirà palazzi, multisala, albergo, ecc. (sempre che sia il cemento la riqualificazione, in una città ormai in mano ai costruttori edili con case vuote ovunque e alberghi che falliscono) e non dati in subappalto a prezzi ridicoli a chi poi se li rivenderà speculando sulle spalle di noi cittadini, a scapito della qualità della vita di tutti ?

    Votare a favore di questo progetto é ai limiti del lecito, secondo me, pistola o non pistola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *