La fraternità nello statuto della Città

La fraternità è un valore che implica lealtà, rispetto e onestà nei confronti delle altre persone, un principio ispiratore dell’agire politico-amministrativo, oltre che al riconoscimento della dignità e della buona fede dell’avversario politico. Ciò è alla base della democrazia e dei rapporti istituzionali che producono azioni positive.
La delibera approvata dal Consiglio comunale (lunedì 11 aprile) inserisce nei principi generali dello Statuto cittadino (come lavoro salute, istruzione, famiglia) il concetto di “fraternità” intendendo sia l’operato dell’istituzione amministrativa sia nell’espressione di ogni singola persona, con lo spirito che la diversità diventi fonte di ricchezza.

Questo è ciò che comparirà da questo momento all’art. 2 dello statuto della città di Torino…chissà quanto i Consiglieri Comunali riusciranno a rispettare questa proposta? “Promuovere il valore della fraternità quale condizione dell’agire politico, nella condivisa consapevolezza che la diversità è una ricchezza e che ogni perona eletta in Consiglio Comunale è soggetto a cui riconoscere pari dignità e rispetto ed è quindi chiamata ad anteporre il bene della propria comunità agli interessi di parte, sia personali, che di gruppo e di partito”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *